Karma

1 disponibili

Anno: 2016

Dimensione: 100×100 cm

Ingredienti: lenticchie rosse, karkade, cristalli di sale dell’Himalaya, te nero, barbabietola, polvere di fragola, orzo, caffè

I colori dell’opera

Licia-Fusai_categoria-Marrone

Contattami per maggiori informazioni
Categorie: ,

Descrizione

La legge del Karma, conosciuta anche come legge di causa effetto, basa il suo principio sul fatto che ogni azione positiva genera un merito, mentre ogni azione negativa genera un demerito, conseguenze che si possono far risalire anche ad azioni di vite passate. Impariamo a guardarci dentro e ad accettare tutto questo per determinare un futuro migliore. Ho scelto questo titolo non per un fatto esclusivamente religioso, ma anche morale e filosofico, perché sono sempre stata affascinata dai princìpi buddisti o induisti, religioni che predicano con convinzione questa legge. 

Lenticchie  Le lenticchie sono state considerate legumi portafortuna nella tradizione romana. Era consuetudine infatti, presso gli antichi abitanti di Roma, donare una piccola borsa di cuoio contenente lenticchie come gesto beneaugurante. Da questa usanza, fondata sull’auspicio che i legumi potessero poi trasformarsi in denari, è derivata l’odierna idea di considerare questo legume un simbolo di prosperità e floridezza economica.

Le varietà di lenticchie presenti in commercio risultano pressoché uguali dal punto di vista nutrizionale ma si differenziano per gusto e colore. 

Le lenticchie rosse presentano anche molti vantaggi “culinari”: si cuociono in fretta, di norma non richiedono ammollo e sono molto versatili, prestandosi a essere usate (con verdure o cereali) per numerosi piatti graditi anche ai più piccoli, come creme, vellutate e crocchette. Si trovano in commercio quasi sempre “decorticate”, ovvero prive della cuticola esterna, la parte più ricca di cellulosa. In questo modo sono più digeribili e non causano fermentazioni intestinali.

Tè nero Il tè nero sta destando l’interesse del mondo scientifico per via della sua ricchezza di sostanze antiossidanti. Gli antiossidanti, tra cui troviamo i flavonoidi, aiutano l’organismo a prevenire l’invecchiamento cellulare, a contrastare l’azione dei radicali liberi e a mantenere in salute il sistema cardio-circolatorio.

Polvere di fragola Le polveri di frutta hanno molteplici usi, per aromatizzare piatti e bevande o per dolcificare senza usare lo zucchero. I frutti in polvere più amati e utilizzati in cucina sono, senza ombra di dubbio, il lampone, la fragola e il mango, perfetti per aromatizzare e rendere dolci in modo naturale tè e succhi di frutta, salse, creme, yogurt, formaggi spalmabili, gelati, macedonia, frappé, frullati. In cucina si possono utilizzare negli impasti delle torte, nei budini, o  mescolandoli con sale o zucchero, per realizzare in casa sali e zuccheri aromatizzati. In particolare la polvere di mango è utilizzata ampiamente, nella cucina caraibica, indiana e asiatica, su pesce, frutti di mare e carne. Vedi quadro CHANGE

Orzo l’orzo è un cereale tra i primi ad essere coltivati dall’uomo. Proviene dall’Asia, ma è coltivato molto anche in Italia. Ippocrate, il padre della medicina, lo riteneva un alimento ottimo per la digestione e con un alto valore energetico, perché contiene amido, fonte di energia facilmente assimilabile. Per questa proprietà ne facevano largo uso i gladiatori, che erano anche soprannominati hordearii, ossia mangiatori d’orzo.  Si può consumare in molti modi diversi, tutti utili all’organismo: le zuppe sono rinvigorenti e hanno un’azione rinfrescante, favorendo inoltre la concentrazione mentale. Il decotto d’orzo è utile per i disturbi di fegato, intestino e stomaco. Se ne dovrebbero bere 4 o 5 tazze al giorno, per sfruttare al meglio le sue proprietà.

Secondo alcuni studi, il costante consumo d’orzo previene la iperglicemia, in quanto ha al suo interno una sostanza che rallenta l’assorbimento dei carboidrati abbassando il tasso glicemico. L’orzo tostato può essere un sostitutivo del caffè e contiene un’alta percentuale di fosforo.

Torna in cima