Lace

Esaurito

Anno: 2014

Dimensione: 30×30 cm

Ingredienti: fiori di malva, origano, bacche di ginepro

I colori dell’opera

Licia-Fusai_categoria-Marrone

Contattami per maggiori informazioni
Categorie: ,

Descrizione

Fiori di malva, la malva fu una pianta molto usata sia dai greci che dai romani che la consideravano una pianta sacra. Il suo nome deriva dal termine greco malakos, che significa calmante e dolce, e dal termine  latino mollire, che significa emolliente

Della malva si utilizzano i fiori, raccolti all’inizio della fioritura. Possono essere essiccati all’aria e al buio ma si conservano difficilmente in quanto diventano blu e si decolorano alla luce.

Bacche di ginepro, per Greci e Romani, il Ginepro era considerato un arbusto magico, bruciandolo nelle abitazioni credevano purificasse l’aria.
Inoltre, nel Medioevo, c’era l’usanza di costruire piccoli talismani con rametti di Ginepro, per appenderli fuori dalle porte di casa, per tenere lontano fattucchiere e malocchi.

Il legno del Ginepro veniva impiegato per fabbricare utensili da cucina, come mestoli e cucchiai, così da insaporire i cibi mentre si cucinavano, con il suo delicato aroma.

Torna in cima