Mind

1 disponibili

Anno: 2015

Dimensione: 80×80 cm

Ingredienti: Zucchero, galanca, radice di liquirizia decorticata, peperoncini, anice stellato

I colori dell’opera

Licia-Fusai_categoria-Rosso

Contattami per maggiori informazioni
Categorie: ,

Descrizione

La parola qui da origine ad un’idea che sale come un germoglio snello e colorato dalla mente e supera in questo caso tutti gli strati ovvero i pensieri e le ansie da cui la mente è spesso quotidianamente oppressa. Molte volte capita che un’idea nata nel momento giusto possa cambiare anche la nostra esistenza.

Zucchero è noto che lo zucchero bianco deriva dalla barbabietola, mentre lo zucchero di canna viene estratto dalla canna da zucchero: possono presentarsi entrambi a grana grossa, a grana media e a grana fine. Non è possibile affermare quale tipo di zucchero è più o meno nocivo all’organismo, perché ciò che conta è anche la quantità. Lo zucchero semolato si presenta in piccolissimi cristalli grazie al processo di semola, che lo rende tale unicamente per renderlo più gestibile nel dolcificare bevande e torte.

Galanca La galanca è una radice dal sapore pungente che assomiglia allo zenzero. Tra le sue benefiche proprietà stimola la digestione, allevia la nausea e previene i gonfiori intestinali, aiutando la regolarità intestinale. Viene utilizzata per preparare bevande e rimedi naturali utili a depurare l’organismo. In Europa nel Medioevo la galanca veniva considerata una spezia magica in grado di proteggere dagli spiriti maligni e di rafforzare la virilità maschile.

Anice stellato Conosciuto e utilizzato dai Romani, dai Greci e dagli Egiziani, questa spezia è stata sempre utilizzata in cucina per la preparazione di carni, verdure e biscotti digestivi. In Inghilterra fin dal XIV secolo con l’anice stellato si facevano torte, oltre a un particolare tipo di pane, il pan di zenzero. Con i suoi semi si fanno dei liquori che aiutano la digestione oltre ad essere gradevoli al palato, come il Pernod, l’Anisette, l’Ouzo, la Sambuca e il Pastis.

Radice di liquirizia Era utilizzata già da Romani ed Egiziani come rimedio medicinale. Antispasmodica e antiossidante, oltre ad avere potere emolliente, questa radice è consigliata per la cura di tosse e bronchite. Tra gli aspetti negativi ci sono quelli di alzare la pressione arteriosa e favorire la ritenzione idrica, ma proprio per questo secondo motivo era consumata dai soldati che passavano molto tempo in zone dove era difficile procurarsi acqua.

Torna in cima