Dentro

1 disponibili

Anno: 2016

Dimensione: 100×150 cm

Ingredienti: alga Nori, pepe bianco, pepe rosa, sale nero, semi di papavero

I colori dell’opera

Licia-Fusai_categoria-Marrone

Contattami per maggiori informazioni
Categorie: ,

Descrizione

Questo quadro è la fotografia di uno stato d’animo. Tutti noi, prima o poi nella vita, ci troviamo a vivere dei momenti di sofferenza interiore e dalla quale non è facile liberarsi. in questo quadro cerco di far comprendere come il buio, nella parte destra del quadro, resta fuori da una parete (nella mia immaginazione è una porta)  Non è ciò che stai osservando, ma da dove lo stai guardando, a determinare cosa vedrai. In psicologia l’oscurità è anche metafora dell’inconscio, ed è associata astrologicamente alla Luna. E la luna è sicuramente un luogo che mi avvolge e mi protegge.

Alga Nori, l’alga Nori ha un alto contenuto proteico (quasi 40 grammi su 100), che la rende un integratore alimentare per tutti gli sportivi o vegetariani.

Oltre al suo apporto proteico l’alga Nori possiede molto iodio e questo aiuta la funzione della tiroide, oltre all’Omega 3 che aiuta a bilanciare il livello di colesterolo e a molte vitamine e minerali come zinco, potassio, ferro e fosforo

Pepe rosa il pepe rosa contiene molti oli essenziali che evaporano rapidamente, pertanto dovremmo sempre tenere presente che questa spezia venga aggiunta alla fine, in caso contrario perderà il suo sapore e anche un po’ del suo colore

Pepe bianco il pepe bianco è una spezia dall’azione diuretica, utile per la digestione e per stimolare il metabolismo. A rendere pepato il pepe è una sostanza chimica chiamata piperina, che viene dal latino piper.  Ed è dalla metà del 1800 che il termine viene usato in senso figurativo: una persona “peperina” è  vivace, ricca di spirito ed energia.

Semi di papavero nella tradizione popolare si utilizza per favorire il sonno, specie nei bambini. Ancora oggi, in alcune regioni italiane linfuso di semi di papavero è chiamato papagnaad indicare proprio loppio misterioso che i nostri nonni usavano per conciliare il sonno.  In realtà non tutte le specie hanno proprietà calmanti. Quello più conosciuto in merito a queste proprietà è il Papaver somniferum detto anche papavero da oppio; di quest’ultimo si utilizza il lattice del pericarpo immaturo, che possiede alte concentrazioni di sostanze stupefacenti utilizzate in farmacologia per la produzione di morfina, di eroina e di oppio.

Torna in cima